Link

Questo spazio è dedicato alla discussione sugli argomenti trattati nei post e negli articoli che coinvolge il vostro punto di vista personale. Mi auguro possa diventare lo spazio più ricco dell’intero blog, il più dinamico. il più coinvolgente.

Annunci

»

  1. La curiosità sembra sia mancina quando l’argomento trattato è “Il Mancinismo”.
    Ho letto l’Abstract della tesi di laurea in ‘Psicologia Sociale delle Comunicazioni di massa‘ messa a disposizione.
    Abstract interessante perchè concettualmente presuppone un’attenta analisi delle cause fisiologiche o forse anche patologiche e sociali che distinguono le funzionalità e la prevalenza, rispettiva, dei due emisferi cerebrali.
    Personalmente ritengo molto valido il percorso scelto per la trattazione dell’argomento e vista l’attenzione verso l’argomento trattato immagino che l’autrice sia mancina.
    Resto sorpreso nell’attribuire al solo gene la causa della lateralizzazione del cervello che ne dovrebbe determinare di conseguenza la prevalenza.
    Il mancinismo però non dovrebbe essere soltanto legato all’uso esclusivo della sola mano sinistra perché quando si parla di lateralizzazione del cervello si presuppone che ci sia anche la possibile prevalenza dell’occhio sinistro, della gamba, del piede e di altre parti coinvolte e chissà anche del pensiero.
    Mi chiedo, pertanto, se esiste un eventuale metodo di valutazione e di misura valido e capace di misurare e riconoscere la percentuale dell’inversione,(dell’asimmetria del cervello).
    Mi sorprendono le ricerche correlate al fenomeno del Mancinismo dalle quali risulterebbe che esso sia determinato dal gene LRRTM1 candidato per il coinvolgimento in diversi comuni disturbi dello sviluppo neurologico, e che potrebbe aver giocato un ruolo nella evoluzione umana cognitivo e comportamentale (le ultime scoperte sembrerebbe abbiano superato questa ipotesi)
    Riconosco e condivido che “In parole più semplici i mancini sono notevolmente influenzati da ciò che si dice di loro e lasciano trasparire una certa soddisfazione quando si rendono conto di essere etichettati dalla società in cui vivono come dei soggetti ‘speciali’, ‘fuori dal normale’ in senso positivo e ‘superiori’ se confrontata con quelle solitamente riscontrare nei destrorsi”.
    Ringraziando per avermi permesso di leggere quanto trattato nel solo Abstract messo a disposizione e auguro che le prossime ricerche permetteranno di delineare le specificità e le relatività dei soggetti mancini su piani di riferimento differenti..
    Resto disponibile per qualsiasi tipo di supporto di lavoro e di ricerca.
    Cordialità.
    Onofrio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...